18 Maggio 2017

Aleppo consacrata alla Madonna di Fatima

La città di Aleppo ha ricevuto una visita speciale: una statua della Madonna di Fatima, che ha portato consolazione e gioia ai cristiani che soffrono ancora le conseguenze della guerra in Siria.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/aleppo-consacrata-alla-madonna-di-fatima-13031"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/aleppo-consacrata-alla-madonna-di-fatima-13031.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Da Aleppo, che soffre ancora le conseguenze della guerra civile in Siria, arriva un grande segnale di speranza! La città è stata consacrata alla Madonna di Fatima proprio il 13 maggio, mentre Papa Francesco presiedeva in Portogallo il centenario delle apparizioni mariane.

L’atto di consacrazione è avvenuto durante una messa presieduta dal parroco di Aleppo, P. Ibrahim Alsabagh. L’immagine della Madonna, ha detto P. Alsabagh il frate, ha portato consolazione a lui e a tutta la città!

Alle celebrazioni, proseguite con una grande processione per la città con la statua di Maria, ha partecipato anche l’arcivescovo maronita di Aleppo.

S.E. Mons. JOSEPH TOBJI
Arcivescovo maronita di Aleppo
"Per noi, qui ad Aleppo, è una grande cosa sapere che la Madonna di Fatima, la Madre di Dio, ci sta consolando ogni giorno e in ogni momento, non solo in questo centenario benedetto, e anche che il Signore è con noi e non ci lascia mai".

P. IBRAHIM ALSABAGH, ofm
Parroco latino di Aleppo
“La processione di oggi per le strade della città, con quasi tremila persone che accompagnavano la statua della Madonna, è stata solo uno dei segni tangibili delle innumerevoli grazie seminate nei nostri cuori".

LEYLA WASSOUF
Parrrocchia Latina di Aleppo
"Penso che questa visita arrivi in un momento perfetto, perché fino a pochi mesi fa eravamo sotto assedio e la morte era all’ordine del giorno. Oggi stiamo provando a ricostruire le nostre vite e la nostra città".

Suor HAYACINTHA MISTRIH
Congregazione del Santo Rosario
"Questa occasione speciale è stata davvero commovente, perché tutti coloro che amano la Madonna sono venuti qui a pregare e a rinnovare la loro consacrazione a Maria. Per questo è stato davvero importante. Allo stesso tempo, questa visita ha dato alla gente speranza per il futuro".

L’immagine della Donna più brillante del Sole è stata portata ad Aleppo dal Portogallo su iniziativa del Custode di Terra Santa, Padre Francesco Patton. A portarla, il sacerdote portoghese Padre Pedro Rodrigues, che ha potuto vedere con i suoi occhi la situazione di Aleppo.

P. PEDRO RODRIGUES
Studente dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme
“Possiamo dire che è un sogno divenuto realtà. Questa Signora che è per la pace, questa Signora che è per la conversione e che vuole accogliere i suoi figli, arriva in questa terra, da questi cristiani che vivono o hanno vissuto nel corso degli ultimi mesi tanti momenti di sofferenza”.

È tempo di ricostruire... E non solo le case, ma anche i sogni che qui sono andati perduti.

P. IBRAHIM ALSABAGH, ofm
Parroco latino di Aleppo
"La prima sfida visibile è quella della ricostruzione di Aleppo, degli edifici, ma anche dell’economia. Di contro, sappiamo che ci troviamo davanti ad un umanità distrutta, martirizzata, paralizzata, che non riesce più ad alzarsi. Sicuramente questa visita della Madonna ci fa sperare in tante guarigioni".

E in questa terra la presenza dei religiosi fa davvero la differenza.

SUOR LAUDE
Suore del Verbo Incarnato – Aleppo
“È un po’ quello che ha detto Papa Francesco. Il religioso, qui, deve portare consolazione. Anche se non ne abbiamo, dobbiamo essere e mostrare loro consolazione… dopo tutta la crisi che ha attraversato Aleppo questo è ciò che la gente si aspetta da noi”.

Sono giornate che certamente non verranno mai dimenticate!

Cristiana di Aleppo
“Siamo davvero felici e speriamo che la presenza di Maria qui protegga la nostra città, le nostre famiglie e ognuno di noi”.