08 Ottobre 2015

Il Festival "Halleluya" di musica cristiana attrae giovani in Terra Santa

Il Festival musicale Halleluya riunisce la gioventù cattolica ad Haifa, in Israele, attraverso le arti e la spiritualità.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/il-festival-halleluya-di-musica-cristiana-attrae-giovani-in-terra-santa-9417"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/il-festival-halleluya-di-musica-cristiana-attrae-giovani-in-terra-santa-9417.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Con ritmi differenti e tanta musica, il Festival Halleluya ha animato la gioventù cristiana di Terra Santa, ad Haifa, la terza città più grande di Israele, situada sul Monte Carmelo, dove visse il profeta Elia.

LINA DARIAL
Nazareth - Israele
“Amo questo tipo di eventi. Ci portano tanta gioia e noi possiamo pregare in vari modi, come piace ai giovani e studenti di Terra Santa”.

In un unico spazio, i giovani hanno trovato armonia tra la preghiera e le diverse forme di arte, come la danza, la musica e il teatro.

JESLEEN DANIAL
Nazareth
“Queste celebrazioni sono molto belle. Dobbiamo vivere più eventi come questo, perché ci offrono belle esperienze, ci fanno conoscere di più su Gesù e sulla vita cristiana”.

Momento principale del festival è stato l’incontro dei giovani con Cristo stesso, nella sua presenza eucaristica nel Santissimo Sacramento.

WARD ANDREA
Nazareth
“Questo festival ci sta offrendo un nuovo modo di sperimentare la fede, un modo più gioioso. E sta dicendo a tutti che la nostra fede non è morta, che la nostra fede attrae gente, soprattutto i giovani”.

L’incontro Halleluya, alla sua quarta edizione, è stato promosso dalla Comunità Cattolica Shalom. Con sede in Brasile, la comunità è presente in vari paesi ed è conosciuta per l’evangelizzazione innovatrice rivolta alla gioventù.

IARA ROCHA
Organizzatrice - Comunità Shalom
“In un ambiente in cui siamo la minoranza, il 2% della popolazione, è anche un modo di esprimere la fede e vivere un’esperienza diversa con Gesù, un’esperienza più gioiosa, più viva”.

L’evento, rivolto ai cristiani arabi, ha contato sull’ausilio di volontari di diverse città, che hanno messo i loro talenti al servizio dell’evangelizzazione.

CHRISTOPHER KARAM
Nazareth
“Quando non prego o canto solamente, ma canto e prego allo stesso tempo, posso sentire la presenza di Dio nella mia voce. Nel modo in cui suono la chitarra o un altro strumento, o quando ballo, posso sentire la Sua presenza nel mio cuore.

RIHAM ANDREA
Nazareth
“Desidero ringraziare Dio per questo dono che è il cantare. Penso che la mia fede mi porti a cantare non attraverso le mie forze, ma attraverso lo Spirito Santo, attraverso Gesù. E quando canto chiedo a Dio per tutto il tempo: ‘per favore, che sia il Signore a cantare e non io’”.

Più che essere un evento di arte e preghiera insieme, l’incontro ha messo in evidenza ciò che più cerchiamo, sia in gioventù che in qualunque altra fase della vita: essere felici!!

“Abbiamo scoperto che Gesù ci dà la vera felicità, quella che non conosce fine".