13 Luglio 2017

“Perdono”. Una conferenza a Gerusalemme

Si è tenuta a Gerusalemme una conferenza sul tema del perdono. Una due giorni intensa di incontri e testimonianze per riflettere sul valore di questa parola.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/perdono-una-conferenza-a-gerusalemme-13363"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/perdono-una-conferenza-a-gerusalemme-13363.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
“Elevarsi oltre la tempesta”.( Rising above the storm clouds) Con questo slogan si è aperta una due-giorni di incontri sul tema del Perdono, nell’ incantevole cornice del Notre Dame center di Gerusalemme. Esponenti delle religioni abramitiche ma anche tanti altri partecipanti si sono riuniti all’ interno dell’Auditorium per comprendere meglio attraverso relazioni e testimonianze il significato della parola perdono e dell’importanza dell’educazione al perdono nei giovani.

PETA PELLACH
Istituto interreligioso elijah - Gerusalemme
Vedere leader religiosi da tutto il mondo, ascoltare le parole del Rabbino Jonathan Sacks, che ha parlato in video , e la presenza del cardinale Tagle ... Ci hanno fatto pensare che il perdono sia effettivamente possibile. La sua umiltà ci fa riconoscere che abbiamo il potere di cambiare il nostro modo di pensare.

S.Em. Card. LUIS ANTONIO TAGLE
Arcivescovo di Manila, Filippine
Penso che questa conferenza darà un grande contributo non solo alla terra santa, ma a tutto il mondo.
Un mondo molto ferito, dove sembra che sia diventato un hobby farsi del male l'un l'altro: che siano individui o comunità, famiglie, persino nazioni. Se non riscopriamo il potere del perdono, non ci sarà pace.

Il perdono entra cosi a far parte di una nuova educazione alla consapevolezza e alla felicità. Un passo necessario nell’educazione di tutti gli individui, sin da piccoli, e soprattutto nella formazione dei nuovi leader

Dr. ROBERT ENRIGHT
Professore Università Winconsin - Madison / USA
Educare al perdono dà ai bambini una base per affrontare le ingiustizie nella loro vita. Quando cresceranno, se non avranno conosciuto il perdono nella loro vita, cercheranno un modo per rilasciare la loro rabbia, il loro risentimento e l'odio. Aiutiamo cosi i bambini ad imparare ad adattarsi al mondo.

S.E. Mons. WILLIAM SHOMALI
Vicario Patriarcale per la Giordania
Veramente bisogna educare i ragazzi al perdono, altrimenti perdiamo solo tempo. Quando questi ragazzi diventeranno adulti porteranno avanti questi valori. Ho fatto l’esempio di Giovanni Paolo II quando è andato in prigione a visitare il suo attentatore, per dirgli che “non dimentica, ma perdona”.

Lo stesso Card. Tagle ha sottolineato durante il suo intervento l’importanza di “essere testimoni del perdono” imparando dalla stessa esperienza di Gesù “Padre Perdona loro, perché non sano quello che fanno”. (Lc 23,34) Cominciando proprio da Gerusalemme.

Dr. MAHMOUD AL HABBASH
Ministro Palestinese per gli affari religiosi
La conferenza è un passo molto positivo, e ogni conferenza che riunisce persone diverse per partecipare ad un dialogo, che siano d’accordo o meno, è comunque un passo importante. Non abbiamo bisogno di essere tutti d’ accordo, ma almeno di avere un dialogo per raggiungere un fine comune

Dr. ROBERT ENRIGHT
Professore Università Winsconsin - Madison / USA
Gerusalemme trasforma i cuori e per questo siamo qui. Riuscire a trasformare i cuori (…) dimostra che possiamo effettivamente perdonare anche se abbiamo il cuore spezzato. Riusciremo cosi ad aprire il nostro cuore e ad estendere ad altri l'amore, che può a loro volta farli sentire migliori. Quindi il perdono è un passo, piccolo, ma è un passo nel processo di pace…